StemmaAndrichIl motto sta a significare “Cristo deve crescere” e richiama il brano del vangelo di Giovanni (Gv 3, 22-36): “...Giovanni rispose ai discepoli: «Nessuno può prendersi qualcosa se non gli è stato dato dal cielo. Voi stessi mi siete testimoni che ho detto: Non sono io il Cristo, ma io sono stato mandato innanzi a lui. Chi possiede la sposa è lo sposo; ma l’amico dello sposo, che è presente e l’ascolta, esulta di gioia alla voce dello sposo. Ora questa mia gioia è compiuta. Egli deve crescere e io invece diminuire...».” Mons. Giuseppe Andrich indica in sintesi il senso della sua vocazione episcopale che ha le sue radici nel Battesimo ricevuto a Canale d’Agordo nella chiesa dedicata a S. Giovanni Battista: lasciare sempre maggiore spazio a Cristo e alla sua volontà. C’è anche il riferimento all’azione pastorale del vescovo Vincenzo Savio che con il Sinodo voleva porre Cristo maggiormente al centro della nostra comunità cristiana e della vita dei fedeli.

Gli elementi dello stemma evidenziano quanto espresso dal motto: – La centralità di Cristo: il sole con il monogramma “IHS” (Gesù Salvatore dell’uomo). – Il luogo di origine e le nostre vallate dove il Vescovo è chiamato ad esercitare il suo ministero: i monti. – Il legame spirituale e pastorale con tutta la Chiesa, testimone di Cristo nel mondo: il colore azzurro con la sbarra d’oro che richiama lo stemma del Papa Giovanni Paolo II.