• 1
  • 2
  • 3
Prev Next

«Oltre il conflitto»: esercizi spiritual…

«Oltre il conflitto»: esercizi spirituali brevi per coppie e famiglie

Il conflitto è un tipo di relazione con gli altri che sperimentiamo a tutti i livelli della vita sociale, a partire dall’ambiente primario che è quello familiare. I conflitti sono inevitabili e possono portare vera crescita se non vi si resta prigionieri e si trova il modo di andare «oltre». La Bibbia ha al suo interno un libro che narra...

Read more

Belluno-Feltre commemora i 500 anni dall…

Belluno-Feltre commemora i 500 anni dalla Riforma con Fulvio Ferrario

«La libertà del cristiano. A 500 anni dalla Riforma». Il tema sarà trattato da Fulvio Ferrario, decano della facoltà valdese di teologia di Roma e docente in vari istituti universitari tra cui l’Istituto di studi ecumenici «San Bernardino» di Venezia. L’appuntamento è per venerdì 21 aprile alle 17.30 alla sala «Gaio» del Centro diocesano «Giovanni XXIII». L’iniziativa, organizzata dal gruppo...

Read more

Morto Rino Zoldan, primo diacono permane…

Morto Rino Zoldan, primo diacono permanente di Belluno-Feltre

Nella chiesa arcipretale dei santi Quirico e Giulitta a Castellavazzo sabato 8 aprile in tanti hanno voluto dare l’ultimo saluto al diacono Rino Zoldan, deceduto nelle prime ore di giovedì 6 a «Casa tua due». Ha presieduto le esequie il Vescovo Renato con accanto il vescovo Giuseppe, alla presenza di un nutrito gruppo di sacerdoti e diaconi. Rino Zoldan lascia...

Read more

don Diego Puricelli 4 1Diego Puricelli, della parrocchia di Santa Croce del lago, sarà ordinato diacono dal vescovo Renato Marangoni sabato 13 maggio alle 15.30 presso il santuario della beata Vergine Maria Immacolata di Lourdes al Nevegàl. La veglia vocazionale diocesana in preparazione a questo ministero sarà la sera prima, venerdì 12 maggio alle 20.30, nella chiesa parrocchiale di Farra d’Alpago; ambedue le celebrazioni, la veglia e l’ordinazione diaconale, saranno presiedute dal Vescovo Renato Marangoni.
Dopo la laurea in biotecnologie mediche a Padova nel 2010, Diego Puricelli è entrato in Seminario a Belluno, in Comunità vocazionale, dove ha vissuto fino a giugno 2011. Ha continuato il suo percorso di formazione verso il sacerdozio presso la comunità «Nuovi Orizzonti», in provincia di Frosinone, dove ha vissuto per altri cinque anni, fino all’anno scorso: nel giugno 2016 ho conseguito il baccalaureato, che è il primo dei gradi accademici in teologia. Le altre tappe della sua formazione: è stato ammesso agli ordini sacri il 9 maggio 2014, a Pedavena, dal vescovo Giuseppe Andrich; ha ricevuto il ministero del lettorato il 6 dicembre 2014 a Palestrina (Roma), dal vescovo Domenico Sigalini; il ministero dell’accolitato gli è stato conferito pure dal vescovo Giuseppe al santuario del Nevegàl il 13 giugno 2015. Ora ha iniziato la licenza in teologia morale alla Pontificia università gregoriana di Roma, dove si sta specializzando negli studi di bioetica: «mi impegneranno per due anni – dichiara Diego Puricelli - vivo questo percorso di studi come un punto di raccordo con quel che ho studiato all’università». Nella città eterna attualmente vive Diego: «Sto a Roma nella comunità di Nuovi Orizzonti che si occupa di prima accoglienza di ragazzi di strada. Questo è ora il mio servizio pastorale: mi occupo dal punto di vista spirituale di questi ragazzi, che stanno decidendo se affrontare il programma di reinserimento sociale: nella nostra proposta la componente spirituale è fondamentale, assieme al contatto col Vangelo, per ogni proposta di recupero».
Nella sua storia di vocazione «sicuramente - dichiara - l’aver aderito al carisma di Nuovi Orizzonti e a una formazione come quella che ho fatto mi ha aiutato a fare l’esperienza di una Chiesa in uscita, che tocca le membra sofferenti del Corpo di Cristo. Ricordo con piacere le missioni di evangelizzazione di strada, a Roma ma non solo, e di spiaggia, a Riccione. Per quanto riguarda il sacerdozio, ho impresso in me l’esempio umile di tanti sacerdoti, che, nel nascondimento, sono fedeli, gioiosi e attenti ai poveri: prossimi alla gente». «Ho incontrato nei sacerdoti - prosegue Puricelli - persone che sono uomini prima di tutto: pienamente uomini e pienamente preti. I miei modelli, dall’inizio della vocazione, sono quelli di papa Luciani e del vescovo Vincenzo Savio: il suo esempio di vita mi ha molto impressionato positivamente». Diego Puricelli ha scelto di appartenere al presbiterio di Belluno-Feltre e, una volta ordinato sacerdote, vivrà il suo ministero in diocesi.
«Nuovi Orizzonti» è stata fondata a Roma da Chiara Amirante nei sottopassaggi della stazione Termini, dove lei stessa per anni, notte dopo notte, negli anni Novanta, ha accudito e annunciato il Vangelo alle persone vittime della cultura dello scarto. Ha lo scopo dell’evangelizzazione integrale: vi appartengono laici, religiosi e sacerdoti che annunciano il Vangelo nella spiritualità della gioia. «Nuovi Orizzonti» è un’associazione privata internazionale di fedeli e in diocesi di Belluno-Feltre è presente nella Cittadella Cielo della Vena d’Oro, in comune di Ponte nelle Alpi.

Gita preti giovani 2012 Austria 2

 

Non un convegno di studio, né seminario di approfondimento teologico o pastorale, né esercizi spirituali: ma un'esperienza di condivisione fraterna che offra l'opportunità per vivificare il presbiterio diocesano. E' l'intendimento delle Giornate di sinodalità per i presbiteri, in programma a Cavallino-Treporti (Ve) dal 24 al 28 aprile e, in seconda battuta, a Folgaria (Tn) dal 19 al 23 giugno. Si intitolano «Lungo la via» con riferimento all'episodio evangelico dei discepoli di Emmaus. Nella lettera di invito, il Vescovo Renato Marangoni scrive: «Questa proposta nasce senza la pretesa di risolvere le tante problematiche pastorali che ci inquietano. Intende essere un germe da coltivare. Usando il titolo ispirato al racconto lucano dei due discepoli di Emmanus, potremmo dire che si tratta di rimetterci ancora "lungo la via…"». La proposta è maturata nel Consiglio presbiterale: «un gruppo di confratelli - scrive ancora il Vescovo Renato - ha cercato di dare corpo a tale proposta finalizzata a ridestare in noi il desiderio e il bisogno di una ripartenza, di un rimetterci in gioco e, soprattutto, di lasciarci ancora una volta sorprendere da Colui che da
sempre ci è a fianco e che certamente non smetterà di prendere il nostro passo, particolarmente in questo tempo difficile che viviamo».

Clicca qui per scaricare la lettera del Vescovo.

Clicca qui per scaricare il pieghevole e il programma.

Belluno vescovo Marangoni messa di ingresso 20Scarica il testo in .doc e in .pdf

Alle comunità parrocchiali della Chiesa di Belluno-Feltre,

in particolare ai presbiteri, ai Consigli pastorali,

a quanti sono chiamati a un servizio di progettazione e di animazione in parrocchia

 

In queste ultime settimane, a ridosso della stagione estiva, dopo il «passaggio di pastorale» dal vescovo Giuseppe - a cui va la nostra vivissima riconoscenza - e il nuovo vescovo Renato, il Consiglio pastorale diocesano, si è incontrato alzando lo sguardo sul cammino del prossimo anno pastorale 2016-2017. È stato così rinnovato l’impegno ad accompagnare la vita della comunità diocesana con l’attenzione a cogliere i passi futuri da condividere insieme. Ne è nato un testo di raccolta di alcune «cose necessarie» che tutte le comunità parrocchiali sono invitate ad accogliere, a fare proprie e a elaborare localmente. Nell’intento di favorire uno spirito di condivisione spirituale e pastorale sono stati elaborati quattro punti che consegniamo, dopo il dovuto discernimento fatto assieme al vescovo Renato e dopo aver consultato i responsabili degli Uffici diocesani di pastorale. Preme precisare che questi quattro punti nella forma di quattro domande non esauriscono la progettazione pastorale che dovrebbe avvenire sia a livello di parrocchie e sia, in via sussidiaria, a livello foraniale. La loro insistenza riguarda il clima da attivare e da condividere. Si tratta di una «intonazione» che auspichiamo diventi un terreno comune per le nostre parrocchie per «camminare insieme». Sono pensate a partire dagli orientamenti più generali della Chiesa italiana, delle consegne a essa di Papa Francesco e, soprattutto, sono in vista di ciò che matureremo nel cammino successivo dei prossimi anni, per primo il rinnovo degli organismi pastorali come espressione di una corresponsabilità e di una chiarificazione nell’azione pastorale. Cercheremo di sostenere e accompagnare, nel corso dell’anno, il cammino della nostra Chiesa con ulteriori strumenti che si rendessero necessari. Premettiamo al testo elaborato le parole che Papa Francesco ha rivolto ai delegati di tutte le Diocesi italiane nel Convegno nazionale tenuto a Firenze dal 9 al 13 novembre 2015.

 

 Raccogliamo e poniamo le nostre attese, le nostre fatiche, il nostro comune impegno «nella gioia del Vangelo». Il Signore Gesù, volto della misericordia del Padre, ci benedica!

 

1 luglio 2016

 

Il Consiglio pastorale diocesano - il Vescovo Renato

Leggi tutto: «Nella gioia del Vangelo». Gli Orientamenti pastorali per il 2016-2017

GOSALDO Veduta locSono pronti e a disposizione di chiunque visiterà in estate la diocesi di Belluno-Feltre i pieghevoli che riportano gli orari di tutte le celebrazioni eucaristiche festive e prefestive. Sono diffusi a cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale del tempo libero, turismo e sport. Le due edizioni, una per l'Agordino, il Cadore, Cortina d'Ampezzo e Zoldo, la seconda per l'Alpago, il Nevegàl e il Feltrino, si aprono con il saluto del Vescovo Renato Marangoni, che invita a «uno sguardo verso l’Alto, per un sospiro di silenzio rivolto al Creatore, per il sussurro di una preghiera, per una fraternità condivisa nelle nostre celebrazioni in particolare nella Messa domenicale». Ancora il Vescovo sottolinea come «Siamo contenti di condividere il dono straordinario di queste montagne con quanti cercano momenti e spazi di ricarica fisica e interiore, con quanti sentono il bisogno di momenti di condivisione e di relazioni più serene e profonde. Il nostro saluto è anche il desiderio di un’amicizia che vorremmo condividere. Sentiamo che tutti voi che ci raggiungete e ci incontrate in queste nostre terre siete portatori di un dono. Il vostro tempo libero e le vostre attività di sport, di svago, di amicizia, di riposo si incontrano con il nostro impegno di ospitalità».

Sono riportati anche gli orari delle confessioni e l’invito a visitare il santuario del Nevegàl, la basilica-santuario dei santi Vittore e Corona (per il pieghevole della Valbelluna) e il Museo diocesano di arte sacra a Feltre.

Clicca qui per scaricare il pieghevole dedicato all'Agordino e al Cadore e qui per scaricare quello dedicato all'Alpago, al Nevegàl e al Feltrino.