Bibione riunione Conferenza episcopale Triveneto 1

I Vescovi del Nordest si sono riuniti in questi giorni - 6 e 7 marzo 2017 - presso la Residenza Santo Stefano a Bibione (Venezia), nella diocesi di Concordia-Pordenone, dove si è tenuta stavolta la periodica riunione della Conferenza episcopale Triveneto. La mattina di martedì 7 marzo, inoltre, hanno vissuto nella chiesa parrocchiale di santa Maria Assunta la celebrazione della Santa Messa, davvero molto partecipata e presieduta dal Patriarca di Venezia e Presidente della Cet Francesco Moraglia, insieme con la comunità locale di Bibione. I Vescovi del Triveneto hanno, in tale occasione, incontrato i membri della Commissione regionale che si occupa di cooperazione missionaria fra le Chiese: è stata questa l'opportunità per fare il punto sull'impegno missionario delle Chiese del Nordest, da ravvivare e riscoprire, sul valore oggi della missione "ad gentes" come paradigma dell'intera vita pastorale della comunità ecclesiale e sul significato attuale dell'esperienza delle persone inviate in missione come "fidei donum". In questi ultimi decenni i numeri, sia italiani che relativi al Nordest, dei missionari di istituti e congregazioni religiose nonché dei "fidei donum" (sacerdoti e laici) impegnati nel mondo sono in calo: i missionari originari delle 15 Diocesi del Triveneto, provenienti da varie congregazioni e istituti di vita consacrata, sono ad oggi 3430 (erano 6050 nel 1990); i preti e laici "fidei donum" sono attualmente 125 (tra questi, oltre ai sacerdoti, ci sono 16 laici e 2 religiose) mentre erano 246 nel 1990. È stata sottolineata, in particolare, la necessità (e l'importanza) di comprendere ed evidenziare sempre più i doni che scaturiscono dalla missione "ad gentes" e che possono aiutare molto le Chiese del Triveneto a "vivere in stato di missione permanente nelle nostre comunità": il dono di riportare continuamente al cuore del Vangelo di Gesù, con i poveri protagonisti e non solo destinatari dell'opera di evangelizzazione, il dono di ricondurre all'essenziale l'esperienza ecclesiale, il dono di mettere a contatto con un mondo fatto di differenze (vistose, vitali e cariche di sfide), il dono di rimandare decisamente all'esperienza di una Chiesa davvero cattolica/universale nella quale ogni singola parte porta e condivide, con tutti, i propri doni. Preziose e, se possibile, da sviluppare maggiormente sono poi le collaborazioni talora già in atto tra più Diocesi nell'esercizio della missione "ad gentes". Durante l'incontro ci si è soffermati anche sulla bella esperienza missionaria triveneta nella Diocesi thailandese di Chang Mai, in particolare attraverso un videomessaggio di don Bruno Soppelsa (sacerdote "fidei donum" di Belluno-Feltre lì presente insieme ad altri preti triveneti). Tra gli altri temi affrontati nel corso dei lavori della riunione: il resoconto dell'attività del Tribunale ecclesiastico regionale triveneto, nel corso del 2016, curato dal Vicario giudiziale mons. Adolfo Zambon che ha messo in rilievo, soprattutto, l'attenzione riservata (specialmente ora a seguito della riforma dei processi di nullità matrimoniale) alla celerità dei procedimenti e ad una sempre maggiore vicinanza ai fedeli, anche per quanto riguarda gli aspetti economici delle singole cause; un approfondimento sulle nuove indicazioni (v. documento della Congregazione della dottrina della fede "Ad resurgendum cum Christo") circa la sepoltura dei defunti, anche e in particolare di fronte alla crescente prassi della cremazione; una riflessione, promossa attraverso i dati e gli elementi informativi riportati dalla Commissione Migrantes del Triveneto, sulle presenze in queste regioni di altre Chiese cristiane e sui rapporti con esse; n aggiornamento sull'attività della Commissione regionale delle comunicazioni sociali e una riflessione generale sulla comunicazione delle Diocesi, mettendo in rilievo poi le possibilità, le problematiche e le prospettive legate alle nuove legislazioni nazionali sull'editoria e sul cinema.

Cpl

La quaresima, tempo di penitenza e di speranza, suggerisce che il cambiamento nella vita è possibile. Non però in modo magico, ma risvegliando e mettendo in moto tutta la persona, in tutte le sue dimensioni, compreso lo spirito. Ecco perché il Centro «Papa Luciani» propone questa settimana, da martedì 14 a venerdì 17 marzo, due ore al giorno di esercizi per questo scopo. C’è una doppia possibilità: pomeridiana (dalle 15 alle 17) o serale (dalle 20 alle 22). Seguendo l’invito del Vescovo Renato Marangoni che ha proposto alla diocesi di Belluno-Feltre di approfondire il testo dell’«Evangelii gaudium» di papa Francesco, i quattro momenti saranno dedicati a «I sì e i no per un rinnovato impegno missionario» (Eg 78ss). La preghiera silenziosa, in cui vivere il proprio rapporto personale con Dio, sarà un ascolto della parola evangelica e gli spunti di meditazione su di essa trarranno linfa dalle riflessioni dell’esortazione apostolica.

Clicca qui per scaricare la locandina.

Belluno vescovo Marangoni messa di ingresso 8

Una lettera che, all'inizio della Quaresima, intende incoraggiare «laici e sacerdoti» che «hanno preparato i Giorni dello Spirito e di comunità». «Vorrei suggerire a tutti di lasciarsi vincere da atteggiamenti, parole e gesti amanti», scrive il Vescovo Renato, sulla linea del Vangelo del mercoledì delle Ceneri: «Quando digiuni, profumati la testa e lavati il volto» (Mt 6,1-6.16-18).

Il tutto è orientato alla cura delle relazioni: «C'è del profumo da emettere attorno al Vangelo, c'è una lavata e una risciacquata da darsi per rinfrescare le nostre relazioni e affinarle di trasparenza...». Ne trarrà vantaggio anche la testimonianza, «più fluida e autentica». Il Vescovo incoraggia anche all'uso delle proposte che vengono dal Centro missionario diocesano.

La sintesi dei «Giorni dello Spirito e di comunità», nelle parole del Vescovo, è precisa e suona come «dall'ascolto alla condivisione»: «Ciò che nasce dall'ascolto della Parola e dall'ascolto reciproco non può che diventare condivisione nella carità; ascoltare e condividere sta nel cuore del Vangelo».

Leggi il testo integrale della lettera del Vescovo.

Pagina 2 di 50